The Last Journey

Qbic

DOTS FESTIVAL 2016 / DOWN ON THE STREET / BLUE TRAIN CIRCOLO ARCI / PIAZZA RITA LEVI MONTALCINI / POGGIBONSI / STREET ART

Qbic_DOTS2015

Per DOTS Fest – Down on the Street del 2016, l’artista Qbic ha realizzato un’ immagine surreale, onirica e piena di simboli particolari. Inoltre, Qbic ha utilizzato l’insolita architettura della Residenza Sanitaria Assistenziale di Poggibonsi per renderlo un nobile e peculiare ambiente di riposo. L’artista, dopo un lungo viaggio attraverso il deserto, ha deciso di raccontare la storia di conoscenze ed esperienze comuni che si tramandano solitamente da una persona all’altra nel corso quotidiano della vita, fatto come sempre di molteplici fasi e passaggi.
Il personaggio centrale dell’opera di Qbic è un uomo con un fiore pizzicato dal vento al posto della sua testa; mentre, l’altro curioso elemento dell’opera, è la raffigurazione di una farfalla intenta a nutrirsi del nettare di quello strano fiore, costituito non dal tipico gambo ma da un vero e proprio corpo umano.
Come uno dei tanti fiori in natura, che sbocciano e vengono man mano indeboliti dai venti e dalle correnti del tempo, così un uomo, nel corso della sua vita, si indebolisce diventando un fiore fragile ma ancora capace di donare il suo nettare, ossia la sua conoscenza, alle future generazioni. Quest’ultime sono appunto rappresentate dalla farfalla, un animale leggero ed energico che riesce ancora a volare e a muoversi ovunque. L’intervento di Qbic, rappresenta quindi questo tradizionale passaggio di verità, storie, conoscenze tra anziani e giovani, collegandosi perfettamente al luogo in cui l’opera stessa si inserisce, anche se avviene in modo peculiare e onirico.

BIOGRAFIA
Rustam Qbic nasce in Russia nel 1985 e si presenta come un artista che unisce l’amore per i graffiti alla sua grande passione per la pittura classica e surrealista. Queste due forti passioni gli hanno permesso di ampliare notevolmente il suo repertorio di immagini, colori e caratteri. Il suo nuovo stile, che fonde insieme elementi illustrativi e immagini surrealiste con un’ampia tavolozza di personalissimi colori, viene mostrato e apprezzato subito, fin dalla sua prima mostra personale, tenutasi a Mosca nel 2013. Infine, influenzato anche dalle vicende personali della sua famiglia, dalla natura e dalla sua particolare passione per i libri, il lavoro di Rustam trasmette, in ogni sua opera, un messaggio universale di amore, conoscenza e spiritualità.

Scroll to Top