PACE

Zero-T

DOTS FESTIVAL 2016 / DOWN ON THE STREET / BLUE TRAIN CIRCOLO ARCI / PIAZZA RITA LEVI MONTALCINI / POGGIBONSI / STREET ART

ZeroT(2)_DOTS2016

In vista del Capodanno dell'anno 2016, Zero-T ha voluto regalare alla città di Poggibonsi, dove lui stesso è nato, un nuovo murales che fosse un augurio di pace e speranza per tutti gli anni a venire. Si tratta di un murales apparentemente semplice ma che presenta forti e precise cromie, forti come il messaggio che lo stesso artista cerca di trasmettere insieme al seguente e breve commento alla sua opera:

“Ho scritto la parola pace perché serve. Serve leggerlo a tutti, in un posto pubblico, dove la gente passa per piacere e per dovere. Ho scritto la parola pace perché la guerra e l’odio devastano l’universo e l’ho scritto grande con dei colori elementari, in un carattere di stile tipografico, semplice, massiccio, forte. L’ho scritto più grande di me, lo vorrei urlare ma non ho la voce così grande come grande è la parola che ho scritto”.


BIOGRAFIA
Paolo Capezzuoli, in arte Zero-T, nasce a Poggibonsi in Toscana nel 1968. Visual artist e designer di fama internazionale comincia il suo percorso artistico a metà degli anni Ottanta esprimendo la sua creatività attraverso la pittura, la fotografia, la scultura e la tipografia, con varie interazioni tra forme e materiali. La sua carriera artistica vanta di numerosi lavori e collaborazioni, tra cui quella con Slam Jam, di cui ha curato l’art direction della campagna in occasione del suo 25° anniversario. Infine, la sua produzione artistica, in continuo movimento tra New York, Parigi e Tokyo, si trova ora in importanti collezioni, come quella permanente della Fondazione De Mitri e in altrettanto importanti esposizioni, come la mostra collettiva THE BRIDGES OF GRAFFITI, allestita durante la Biennale d’Arte di Venezia nel 2015.

Scroll to Top