La Sedia Davanti alla Porta


Joseph Kosuth

ARTE ALL' ARTE 1999 / ASSOCIAZIONE ARTE CONTINUA / PIAZZA DEL BAGOLARO / SAN GIMIGNANO / ARTE AMBIENTALE

La Sedia Davanti alla Porta
2

Là dove si può stare in piedi, ci si può anche sedere. Non soltanto i bambini, ma anche le donne hanno il loro posto sulla soglia di casa, a stretto contatto con la terra, le sue tradizioni e forse le sue divinità. La sedia davanti alla porta è già segno di innovazione cittadina. Dell’inaudita facoltà di star seduti al caffè, poi, si avvalgono unicamente gli uomini”.
(Da “Immagini di città”, Walter Benjamin)

L’opera di Joseph Kosuth per la città di San Gimignano, si mostra così, la cornice ad una seduta, un’incisione di 35 metri in pietra serena che attraverso le parole di Walter Benjamin accompagna e ricorda un’ ormai passata tradizione: quella di sedersi davanti la porta di casa. Una tradizione tipicamente italiana e dei piccoli borghi, di quelle piccole realtà cittadine, come lo è stata San Gimignano. Attraverso l’uso di uno dei materiali più comuni della zona e delle parole di uno dei teorici più famosi del primo Novecento, Kosuth è così riuscito a creare un dialogo tra antichità e contemporaneità, riportando alla luce una tradizione che, forse, osservando bene, non è ancora del tutto svanita dalla memoria e radici culturali di ogni sangimignanese.
Il primo intervento vedeva l’opera di Kosuth posizionata all’interno della Loggia del Podestà di San Gimignano, il luogo simbolo del potere cittadino per diversi secoli. Tuttavia, l’opera è stata poi spostata all’interno del giardino del Bagolaro, davanti al Centro Diurno Il Bagolaro che offre servizi e spazi per la popolazione anziana dell’ Altavaldelsa. Riflettondo sull’attuale posizione dell’opera: quale miglior luogo per La Seduta Davanti alla Porta di Kosuth, se non vicino a coloro che incarnano l’immagine stessa che Walter Benjamin cercava di evocare in “Immagini di città”?

BIOGRAFIA
Kosuth nasce a Toledo nel gennaio del 1945 ma attualmente vive e lavora negli Stati Uniti d’America. É infatti conosciuto come artista statunitense, importante esponente dell’arte concettuale che si è formato in Belle Arti a New York. Con le sue opere tende ad indagare la natura stessa dell’Arte, le idee che stanno ai margini stessi dell’arte, invece che concentrarsi sulla produzione e presenza materica dell’opera. Spesso infatti le opere, come nel caso della Seduta Davanti alla Porta, sono rappresentazioni letterali di ciò che dicono le frasi riportate sulle opere stesse.

Scroll to Top